You are currently viewing A cosa serve il MICROLEARNING?

A cosa serve il MICROLEARNING?


Caratteristiche e Vantaggi.

Il microlearning risponde al bisogno di far imparare qualcosa a qualcuno in modo semplice e veloce. Quando vuole. Quando ne ha bisogno (“Just in time, just in case”).

Si parla di microlearning quando si ha a che fare con pillole di sapere di pochi minuti (generalmente non più di 3 minuti per “blocco” di informazioni) a cui accedere quando necessario.

Avete presente i tutorial delle ricette su YouTube? Qualcosa del genere.

I contenuti in Microlearning devono essere:

  • Brevi (3-10 min)
  • Chiari e concisi (un solo argomento, termini semplici, nessuna info superflua)
  • Accessibili (sempre a disposizione e possibilmente audio+video+testo)

Ovviamente questi contenuti devono essere caricati da qualche parte.

A cosa serve il microlearning? Foto di Marcus Aurelius da Pexels

Possibilmente su una piattaforma LMS o LXP, fruibile da desktop e da mobile (se vi serve una mano a scegliere una di queste piattaforme, chiedete pure).

Perché si parla spesso di microlearning inserito nella formazione blended?
(Con formazione blended si intende una formazione mista composta da eventi sincroni e contenuti asincroni, in aula e in remoto, e così via… Metodi e canali misti).

Il microlearning permette di fornire brevissime ma (se ben fatte) estremamente efficaci interazioni a chi impara, tra un’aula e l’altra, siano esse fisiche o virtuali.

Quiz, sondaggi e contenuti interattivi, permettono di creare un percorso formativo veramente efficace.

L’esistenza di un percorso di apprendimento è ciò che rende le conoscenze durature, trasformandole in competenze, un richiamo alla volta.

Più i contenuti sono brevi ed ingaggianti, più è facile che le persone li fruiscano davvero tra una lezione e l’altra, o anche dopo l’ultima sessione dal vivo…

Non sapete come far fruire davvero alle persone i vostri contenuti tra una sessione e l’altra?

Anche riguardo a questo, sentitevi liber* di chiedere a noi.

Per riassumere, un percorso blended composto da sessioni dal vivo intervallate da microlearning permette di:

  • Rendere le aule davvero esperienziali (le “informazioni” verranno passate in asincrono)
  • Aumentare l’engagement tenendo le persone legate al percorso
  • Aumentare la retention dell’apprendimento
  • Monitorare i risultati (grazie ai report dell’LMS o LXP)
  • Ridurre i tempi complessivi della formazione senza sacrificarne l’efficacia

Sapreste creare dei contenuti di Microlearning per la vostra formazione?

Quali sarebbero i temi più importanti da trattare in questi contenuti?

Se vuoi parlarne con noi o hai altre curiosità, lascia un commento oppure prenota una chiacchierata con noi all’orario che preferisci!

Buon lavoro!

Lascia un commento